Ausiliari palatali modificati per semplici biomeccaniche (di Giulia Latini)

Spesso ci troviamo di fronte a malocclusioni che presentano caratteristiche peculiari sapendo che l’obiettivo dell’ortodontista è quello di ottenere il risultato desiderato nel minor tempo possibile, riducendo al massimo il discomfort del paziente. Vi mostro due casi in cui ho modificato due tradizionali dispositivi ortodontici per modificare favorevolmente la posizione di denti ectopici, contemporaneamente alla…

Come fare espansione e chiudere il morso in un sol colpo: Il Quad Helix con griglia o QHG. Di F.Angelini

Nel trattamento intercettivo del morso aperto anteriore (AOB) associato ad abitudini  (spinta della lingua, postura linguale anomala, succhiamento), la griglia palatale è uno strumento largamente utilizzato e dalla comprovata efficacia clinica. I pazienti con AOB presentano quadri clinici variabili sul piano scheletrico sagittale e verticale, spesso in associazione alla contrazione trasversale del mascellare superiore conseguente…

Quanto spazio si recupera con la proclinazione dell’incisivo inferiore? (di D.Raviglia; rev. G.Fiorillo)

Secondo Mc Laughlin per ogni 0,5 mm di vestibolarizzazione dell’incisivo inferiore rispetto alla linea Apog – corrispondente a 1,25° di aumento dell’IMPA – si ottiene 1 mm di spazio in arcata (1). A questo proposito, un recentissimo studio di Yitschaky e coll. apparso su Angle Orthodontist ha valutato la relazione che esiste tra affollamento e proclinazione dell’incisivo inferiore cefalometrico, effettuando misurazioni su modelli…

L’Espansore con piani di rialzo controlla davvero la divergenza?

Di Francesco P. Pistacchio. Sull’onda della scorpacciata di pubblicazioni da cui ho digerito il mio recente post in cui attestavo la non predicibilità di miglioramenti sagittali successivi all’espansione rapida mascellare, cercherei di fare il punto intorno ad un altro dogma collegato a questa terapia e, come e più del primo, alla enorme figura di Jim McNamara:…

Il metodo Liou per la terapia delle classi 3

Si parla tanto in questi ultimi tempi del metodo Liou per le classi 3: ho voluto approfondire e in questo post vi riassumo quanto ho appreso. Il protocollo Mc Namara(1) per la terapia delle classi 3 é quello più utilizzato attualmente e prevede la combinazione RPE/Delaire con l’attivazione del dispositivo palatale secondo due modalità: Contrazione e crowding: 1/4×2…

Foot in shoe theory (di F.P.Pistacchio)

Ricordo la polvere che tappezzava la vecchia pubblicazione dalle cui righe conobbi questo secolare asserto ortodontico, a firma del tedesco Korbitz(1). Correva l’anno 1914, e la “foot in shoe theory” si stagliò come un dogma che prevedeva, attraverso l’ espansione del mascellare, la correzione di quella che pochi anni prima Angle aveva chiamato Class Two….