Lace Back alla “thailandese” per un miglior controllo del molare

Il primo post del 2016 é dedicato a uno dei capisaldi MBT: il Lace Back. Questa legatura a forma di 8 nei casi estrattivi serve a risolvere l’affolamento guidando il canino in zona premolare. Si dice che la sollecitazione posteriore sia nulla o poco più, ma in realtà il molare un po’ mesializza (1). Secondo alcuni autori thailandesi (2), un design leggermente differente del Lace Back potrebbe però immobilizzare i molari. Basta infatti “arrotolare” i due capi del filo metallico in uscita dal secondo premolare (almeno 3 spire) prima di abbracciare il canino e il gioco é fatto: il molare e il secondo premolare sono “bloccati”!

A supporto di ciò un interessante paper con un buon campione di casi estrattivi trattati con la successione di archi da libro (016 Hant, 019/025 Hant, posted), in cui la valutazione statistica dimostrerebbe l’efficacia del Lace Back modificato “alla thailandese”.

È banale, perché non farlo?

Gianluigi Fiorillo

1. J Orthod, 2002 vol. 29(4) pp. 281-6; discussion 277
A randomized clinical trial to compare the effectiveness of canine lacebacks with reference to canine tip
Usmani, T; O’Brien, KD; Worthington, HV; Derwent, S; Fox, D; Harrison, S; Sandler, PJ; Mandall, NA

2. A Comparison of Effect of Regular Laceback Technique and Its Modification on Anchorage Loss. C. Charoemratrote, C.Leethanakul, S.Jaybundon. Song.Dent.Journal

 

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...